Dalla tecnica al palco

 

F0153E5B-C019-49C6-9872-DE57C5EFDE87

“Dalla tecnica al palco”

“Corso di approfondimento tecnico vocale per l’attività artistica”

scuola Centro Ottava

Programma del 2018/2019 ideato e proposto da Simone Moscato

Cos’è e a chi è rivolto?

Il corso è un approfondimento tecnico su tutti i suoni della voce, una ricerca dei colori vocali dai più classici ai meno ordinari, un’apertura a 360 gradi volta a completare, puntualizzare o semplicemente approfondire il proprio itinerario formativo. È rivolto a chi abbia già maturato un percorso di conoscenza del proprio strumento, con il proprio docente e sopratutto attraverso la necessaria esperienza pratica. Un corso di approfondimento perché analizzerà in modo specifico tutti i suoni della vocalità moderna, del rock, del folk, del pop, del jazz, del blues e del musical, ottimizzando il bagalio di esperienze di ogni allievo al fine di renderlo snello e funzionale all’attività artistica e professionale.

Perché un corso e non una lezione personale?

L’idea del corso nasce dalla constatazione, semplice ma di grande importanza, che la chiave dell’apprendimento è il “rendersi conto”, svelando come le difficoltà nell’imparare (in modo particolare i suoni meno ortodossi della vocalità) non siano legate ad altro che ad una visione più complessa di ciò che in realtà è semplice.  È proprio in quest’ottica che un gruppo, se costruito in modo opportuno, può dare la possibilità di comprendere più in profondità la voce, lavorando su se stessi non solo mediante l’esperienza personale, ma anche attraverso la varietà dell’esperienza dei compagni di corso, sperimentando in modo più chiaro la natura di ogni gesto vocale, rendendolo “oggettivo oltre i limiti della visione singola”. Un sistema che consente il confronto, il lavoro personale, l’osservazione, l’esperienza, la realizzazione oggettiva, per dire mille cose diverse con il medesimo strumento.

Cosa si studierà?

Si partirà dall’osservare attraverso la pratica e la teoria ogni aspetto degli elementi basilari della tecnica quali  la risonanza e la consonanza, e i registri laringei, la respirazione e la postura, creando un linguaggio di base comune propedeutico alla più chiara comprensione ed ottimizzazione delle esperienze didattiche. Verrà approfondito il “registro misto”, scoprendo tutte le possibili modalità di alleggerimento delle corde vocali in sinergia con la risonanza per il raggiungimento della zona acuta dell’estensione.  Si studieranno le qualità del “registro di falsetto” nelle diverse interazioni tra il lavoro del “bordo libero delle corde vocali” e dello spazio di risonanza, come crearlo, modificarlo ed integrarlo nei passaggi con il “registro modale”. Verranno ricercati e spiegati i “suoni sporchi e graffiati”, l’uso delle “strutture sovraglottiche” (false corde ed aritenoidi) in sinergia con le “corde vocali vere” nei diversi registri vocali. Verrà in fine studiata la “gestione degli atteggiamenti fisiologicamente scorretti ma artisticamente funzionali”, cioè quei suoni che possono essere considerati non “ortodossi” e a rischio ma che in alcuni casi definiscono e arricchiscono la “tavolozza dei suoni” di un cantante.

In che modo?

Il corso è a cadenza settimanale il martedì dalle 17.30 alle 20.00 da Ottobre a Giugno, ed è elaborato sul modello della masterclass. Ad ogni appuntamento verranno trattati i temi previsti dal programma con esercizi di gruppo e momenti di pratica personale in condivisione con tutti i partecipanti.

Programma corso

(Il programma è flessibile e suscettibile a variazioni legate alle specifiche del gruppo)

– la voce un mezzo non un fine

– il senso della tecnica, cosa mi serve davvero

– il linguaggio della tecnica, storia e modernità

– la relazione funzionale tra mente e corpo

– la prefigurazione sonora

– l’dentità vocale

– come imparare ad imparare, il processo di osservazione

– la postura il microcosmo della voce

– la sinergia tra respirazione, laringe e spazio di risonanza

– le respirazioni nel canto

– risonanza e consonanza

– i registri laringei

– riconoscimento acustico e percettivo delle diverse qualità vocali

– Il registro modale

– il registro “misto”

– modalità di approccio alla zona acuta

– attivazione delle strutture sovraglottiche

– suono aritenoideo e falso cordale

– strutture sovraglottiche e corde vocali vere

– respirazione e spazi di risonanza nei suoni distorti

– applicazioni stilistiche dei suoni distorti

– riconoscimento acustico e percettivo delle diverse qualità di distorsione

– scoprire i propri suoni sporchi, propensioni fisiologiche e stilistiche

– il registro di falsetto

– tipologie di falsetto

– bordo libero delle corde vocali respirazione e spazio di risonanza

– riconoscimento acustico e percettivo delle diverse qualità di falsetto

– applicazioni stilistiche del registro di falsetto

– omogenizzazione del passaggio tra modale e falsetto

– falsetto e strutture sovraglottiche

– scoprire il proprio falsetto

– gestione degli “atteggiamenti fisiologicamente scorretti ma artisticamente espressivi”

– uso della tecnologia

– guida all’ascolto dei temi affrontati

– studio di brani attinenti alle tematiche affrontate

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...