Un atto di volontà

Capita di incontrare spesso voci “bloccate”, fisicamente sane e tecnicamente capaci, perse in una crisi apparentemente irrisolvibile, malate di un morbo invisibile e spietato.
A tutte quelle voci  (e a me stesso prima di tutto) ricordo che:
Cantare prima di essere un gesto fisico, una capacità tecnica o un’esigenza espressiva è un atto di volontà che non nasce dal pensiero, ma dalla “pancia”, viscerale, necessario, indiscutibile, senza il quale è impossibile animare la propria voce.

Simone Moscato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...